giovedì 26 novembre 2009

Diplomi dal Giappone


Diplomi dal Giappone per gli allievi del Maestro Cuzzocrea

Direttamente dalla sede mondiale della Seigokan, i prestigiosi riconoscimenti sono stati consegnati al maestro di Karate tradizionale Francesco Cuzzocrea.
Non si può certo dire che il Giappone si sia dimenticato della scuola di karate reggina, l'Accademia di arti marziali "Go Ju Ryu Karate do" di Reggio Calabria. Proprio ieri, “ 12/10/2009 “ infatti, la stessa si è vista recapitare un plico proveniente direttamente dal Giappone, all'interno del quale erano presenti almeno trenta diplomi in pergamena per gli altrettanti allievi del maestro Francesco Cuzzocrea, istruttore di difesa personale della Polizia di Stato, nonchè cintura nera 6° dan di Karate tradizionale stile Seigokan Goju Ryu . La sorpresa è stata ancora più accentuata dal fatto che, a neanche un mese dagli esami tenutisi presso la sede dell'accademia, sita in Viale Calabria 133/A, direttamente dalla commissione mondiale della Seigokan giapponese.

I prestigiosi diplomi, che nulla hanno a che vedere con quelli sportivi rilasciati in Italia, sono stati conferiti a tutti gli allievi che hanno partecipato agli esami. Inutile sottolineare la soddisfazione del Maestro Cuzzocrea, il quale è notoriamente conosciuto nel mondo delle arti marziali tradizionali internazionali. Per maggiori informazioni http://www.karatereggiocalabria.jimdo.com/

sabato 21 novembre 2009

Lontano 2007

Era il lontano 22.03.2007 , i lavori della struttura sportiva denominata Pagota, sembravano completati ma, con i soldi dei cittadini si puo' sempre approfittare . A chi la diamo in gestione questa struttura ? Alla FIJLKAM ? E perche' ? . Togliete le mani da questa struttura questa, deve essere messa a disposizione di chi ne fa richiesta, ovvero di cittadini che pagano le tasse per avere un bene e non un favore , su questo non ci piove . La FIJLKAM se vuole una struttura tutta sua, potra' costruirsela con i propri soldi e non con quelli di tutti i contribuenti di altre federazioni ed associazioni. La FIJLKAM ha tanto diritto quanto ne hanno le altre associazioni ne piu' ne meno . Noi tutti chiederemo l'uso della pagota al comune e non alla FIJLKAM .


mercoledì 18 novembre 2009

Francesco Santonocito

L A

S T O R I A

D I

F R A N C E S C O

S A N T O N O C I T O

Spesso si riflette su come sia possibile trovare la forza di amare la vita anche quando la vita ti sembra voltare le spalle. La storia di Francesco Santonocito è quella di un campione del mondo di arti marziali, che otto anni fa’ a causa di una malattia rara ha rischiato di morire per ben due volte, fino all’epilogo tragico dell’amputazione delle gambe. All’improvviso ha compreso che avrebbe perso le facoltà fisiche e la vita sua vita ha preso una piega tutta diversa. Non ha più avuto una percezione uguale a prima. All’inizio si hanno difficoltà notevoli-Racconta il signor Santonocito, in genere siamo abituati a vedere noi stessi come estensione del corpo. Ad un certo punto sei conscio che in vita esiste in dotazione una forza e uno spirito che non tutti hanno in dotazione o in uso. Lo sport, le arti marziali e la fede ti conducono al punto di usare la tua forza. Per me che sono un credente conservo in queste discipline una scintilla divina.

Da dove viene , questa forza c’è. Tante volte cerchiamo le chiavi di casa impazziamo per cercarle e poi ci accorgiamo di averle in mano. Le filosofie, l’amore, la fede ed il conforto degli amici ti insegnano a trovare questa energia e ad usarla. La vita ha dei confini che non devono essere considerati in base alla capacità e all’abilita’ motoria della persona, ma per il suo valore e per i suoi valori. In questo caso qualunque situazione della vita vale la pena di viverla, se si ha una relazione di utilità per la propria anima e per l’anima di coloro che ti sono vicini e che ti amano. Il signor Santonocito ha ritrovato, dopo la malattia, questa forza che è derivata da un metodo che ha appreso dalle arti marziali , quelle vere, praticate con sacri crismi. Non ci sono ricette e segreti in questo approccio, ma piuttosto un metodo che porta ad affrontare le situazioni di emergenza come situazioni ordinarie, situazioni estremamente compresse e disorganizzate emotivamente, questa è la base pragmatica delle arti marziali, che poi diventano una vera disciplina, una condotta di vita, un modo per arrivare alla forza enunciata più volte da quest’Uomo. Tale filosofia di vita del signor Santonocito consiglia di amministrare il panico ed il terrore, in modo che così tutto diventa una questione di ordinaria gestione. Non si ha così il tempo di commiserarsi- confida il signor Santonocito-, ma piuttosto si ha più volontà di cercare energia. Per anni ho avuto un fisico che mi sorreggeva e mi ha dato tante soddisfazioni. E’ stato sempre appresso al mio spirito estroso. Ho sempre avuto un grande rispetto per la debolezza, non intesa come pietismo, ma come necessità civica di alleviare a chi non ha la potenzialità, a chi non ha la strada. Da ciò si evince che Il Sig. Santonocito non vede la disabilità come un limite, ma quasi come una differente possibilità, come se la disabilità (termine non amato dal signor Santonocito) fosse paradossalmente un’altra strada per accorgersi della forza cui ognuno di noi può attingere. Con una protesi particolare, oggi Santonocito ha ricominciato a camminare, questo evento a suo dire gli ha provocato un diluvio emotivo, una felicità enorme. Il dono non ha niente a che vedere con la carità o con la solidarietà, il dono è l’unico miracolo che l’uomo fa da solo. Io ho assistito ad un miracolo in cui i protagonisti erano coloro che mi stavano attorno e mi hanno regalato un paio di gambe nuove. A oggi il signor Santonicito continua a insegnare arti marziali. Ritengo che fino a oggi si sia un po’ ghettizzata la disabilità anche nel campo sportivo. Lo sport vuol dire diportarsi, divertirsi. Bisognerebbe tornare a cogliere l’antico spirito che non antepone l’interesse all’essenza, e al principio.

martedì 17 novembre 2009

La Pagoda


Che fine ha fatto la Pagoda di Reggio Calabria ?

Una struttura davvero particolare nella sua forma. Una costruzione che attrae la curiosità dei cittadini per la sua bella composizione risulta essere in stato di abbandono.

Il terreno annesso alla scuola media “Ugo Foscolo”, in Via Frangipane nella zona del Viale Galileo Galilei, dove una volta esisteva uno spiazzo in cui i ragazzi delle varie classi dello stesso istituto svolgevano l’ora di educazione fisica, accoglie da qualche anno la palestra “La Pagoda”, una struttura straordinariamente elegante di uno stile che ricorda le costruzioni orientali ed avrebbe dovuto ospitare atleti di varie discipline sportive. La sua edificazione si svolse quasi nei tempi previsti riuscendo, per questo, a far godere ai cittadini, almeno dal punto di vista ottico, della splendida nuova creazione. Peccato che le solite incognite di carattere tecnico-amministrativo, non hanno permesso l’utilizzo di un luogo che avrebbe dovuto da subito accogliere atleti rientranti soprattutto per gli adolescenti.

Okinawa e Seigokan Kata Goju-Ryu Karate-Do

Kihon tsuki-no kata , Ukeno kata, Sanseru e Shisochin eseguiti da Sensei Francesco Cuzzocrea


video

Okinawa e Seigokan kata Goju Ryu Karate Do

domenica 15 novembre 2009

Italia Dojo Seigokan Goju-Ryu Karate-Do

Falun Dafa


U n a
b r e v e
i n t r o d u z i o n e

Falun Gong (noto anche come Falun Dafa) è un’antica forma di Qi- Gong , una pratica per purificare il corpo e la mente attraverso speciali esercizi e la meditazione. Come il Tai Chi, il qigong è una parte essenziale della vita di molte persone in Asia. Quasi ogni giardino cinese era pieno di persone che si esercitavano all’alba.

In pochi anni, dalla sua introduzione al pubblico, la Falun Dafa è diventata la forma di qigong più praticata nella storia cinese. Il motivo principale di questo fenomeno è che la Falun Dafa si distingue da altre forme di qigong perché non enfatizza solo la pratica fisica, ma soprattutto la coltivazione del carattere morale di una persona nella vita quotidiana, in accordo con i principi elevati insegnati dal Sig. Li Hongzhi, il fondatore della Falun Dafa.

L’efficacia della Falun Dafa nel miglioramento della salute e i suoi principi profondi l’hanno resa popolare velocemente in tutto il mondo. Da quando fu introdotta al pubblico nel 1992 dal Sig. Li Hongzhi, ha attratto decine di milione di persone di più di 60 paesi.

Le persone che praticano la Falun Dafa provengono da ogni immaginabile sentiero della vita, poiché la Falun Dafa trascende tutte le frontiere culturali, sociali, economiche e nazionali. La pratica si è diffusa ampiamente tramite il passaparola, perché spesso quelli che l’hanno imparata trovano dei benefici troppo preziosi per tenerli solo per se stessi.

La pratica della Falun Dafa è semplice, profonda ed efficace. Consiste principalmente in due parti: il miglioramento di se stesso attraverso lo studio dell’insegnamento del Sig. Li e la pratica dei cinque esercizi dolci della Falun Dafa. Gli esercizi, inclusa la meditazione, sono facili da imparare e piacevoli da eseguire, inoltre sono anche rilassanti e potenti. Gli studenti della Falun Dafa amano praticare insieme in gruppo all’aria aperta. Gli insegnamenti sono esposti principalmente in due libri: Falun Gong e Zhuan Falun, che sono disponibili in una ventina di lingue, incluso l’italiano.

Tutti i libri sono anche disponibili gratuitamente sul sito internet della Falun Dafa:
http://www.falundafa.org/ (tutte le lingue)

2. I principi della pratica
I benefici della pratica della Falun Dafa sono numerosi, partono dal miglioramento della salute alla scoperta della nuova energia che dona il sollievo dallo stress e la chiarezza e la pace della mente. Inoltre la Falun Dafa è diversa da altri sistemi di qigong perché trascende la ricerca del benessere fisico, ma mira all’ottenimento della saggezza e dell’illuminazione spirituale. Al centro della pratica ci sono i principi supremi dell’universo: Verità, Benevolenza e Tolleranza. Attraverso la combinazione dello studio dei libri e l’esercitazione della pratica, i praticanti cercano di diventare persone migliori, mettendo in pratica questi principi nella vita quotidiana.

3. Va bene anche per me?
Milioni di persone hanno scelto di praticare la Falun Dafa, dedicandole parte della loro vita quotidiana. Semplicemente provando, essi hanno scoperto che è un valido e piacevole investimento del loro tempo verso la salute, la felicità e una vita piena di significati. La richiesta per avere tutto questo è una mente aperta e un cuore pieno di buona volontà. Ognuno è benvenuto. La Falun Dafa è apolitica, informale e completamente gratuita, senza nessuna obbligazione o iscrizione. Tutti i libri possono essere scaricati dal sito gratuitamente. Vi invitiamo a provare questa pratica meravigliosa ed a scoprirla da soli.

Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su Clearharmony, citando la fonte.


Esercitazioni Falun Dafa

video

Tomba del Sensei Seigo Tada

Luogo ove è sepolto Ho Sensei Seigo Tada

sabato 14 novembre 2009

International Seigokan Goju-Ryu Karate-Do


I N T E R N A T I O N A L

S E I G O K A N

G O J U - R Y U

K A R A T E - DO


Intraprendi un interessante, salutare e remunerativa carriera facendo qualcosa che ti appassiona e che puoi usare in qualsiasi parte del mondo.

Che cos’e’ la Seigokan Goju Ryu Karate do ?

La Seigokan è la scuola che ha mantenuto, nel corso degli anni lo stile originario del karate, insegnando la pratica del " kara-te ", cioè mano vuota. I maestri riconosciuti dalla Seigokan, trasmettono quindi, la pratica dell’arte marziale intendendola non solo come tecnica di calcio e pugno o della lotta in generale, ma come stile e comportamento che l’essere umano deve adottare nel contrastare in modo appropriato le avversità del vivere quotidiano. La pratica dell’arte marziale supera i confini del potenziamento fisico e assume la connotazione di allenamento mentale per cui il karateka, riconoscendo le proprie debolezze e istintività, riesce a controllarli in questo senso fa il kara “ vuoto “ mentale che gli consente di agire nella maniera e misura adeguata al caso .

L’accademia del maestro Cuzzocrea, è l’unica scuola in Italia di arti marziale giapponese, ufficialmente riconosciuta dalla Scuola Seigokan come sistema di istruzione terziario con l’intento di promuovere Corsi di Istruttore permettendo di conseguire il diploma di III° Dan.

Le lezioni vengono tenute presso la sede dell’accademia cinque giorni alla settimana, con la possibilità di brevi lezioni ideate su misura per scuole, imprese e gruppi.

Perche’ il sistema Seigokan Goju Ryu ?

Alcune scuole di arti marziali focalizzano l’allenamento su vistose quanto poco pratiche tecniche di difesa personale , la cui applicazione in situazioni di combattimento reale così come in tornei e’ molto limitata.

La particolarità del metodo di insegnamento dell’Accademia Goju Ryu consiste nel fatto che ogni tecnica insegnata e’ applicabile in situazioni reali.

Gli studenti imparano a usare la massa del proprio corpo in movimento con efficienza in modo da generare potenza e agilita' . Questo avviene, attraverso una serie di esercizi propedeutici che abituano il corpo ad economizzare i movimenti, consentendo l’ utilizzo minimo della forza .Tali esercizi, permettono in maniera semplice e spontanea sia la difesa che lattacco .

L’uso della massa corporea e delle leve, aumenta l'abilità a neutralizzare gli attacchi eliminando la necessità di utilizzare la forza .

ll miglioramento della struttura corporea, la coordinazione dei movimenti, il controllo del corpo , permette anche lo sviluppo della forza mentale, o energia interna detta “ chi “ . Usando il “ chi “ , gli studenti saranno capaci di sviluppare una potenza uguale a quella sviluppata da una persona fisicamente molto più forte.

Essendo il Goju-Ryu, un metodo di difesa personale scientifico, bisogna comprendere ed assimilare a fondo quest’arte prima di poterlo applicare in una situazione reale . Gli studenti dell’Accademia vengono incoraggiati a porre domande riguardanti le ragioni per le quali si compiono determinati movimenti, piuttosto che limitarsi a copiare tali movimenti, per cui il rilassamento, la concentrazione ed il controllo della mente sono parte integrante del sistema infatti, l’obiettivo e’ quello di sviluppare la mente ed il corpo:

L’importanza di imparare l’arte tradizionale originale

A causa della semplicità dei movimenti, il Goju-Ryu e’ uno stile facilmente imitabile. Tuttavia, senza la conoscenza dei veri principi dell’arte, anche lo studente più bravo può avere dei problemi in una situazione di uno scontro reale. Egli capirà che le tecniche non funzionano se si adotta l’uso della forza .

Il maestro Cuzzocrea ha insegnato, nel corso della sua carriera, a molti allievi i quali si erano allenati nel modo sbagliato presso altri maestri. Queste persone in genere usano i muscoli sbagliati quando colpiscono, applicano la forza in modo errato, ricorrendo alla forza bruta, per cui hanno sviluppato cattive abitudini. Questo fatto rende difficile per loro iniziare un nuovo metodo corretto ed alle volte sono costretti ad iniziare addirittura a livello di principianti.

Dice il maestro Cuzzocrea " : l’obiettivo dell’accademia non e’ di creare dei superuomini o delle superdonne, ma garantire l’abilità in modo da non usare la forza ; la potenza, i riflessi e la condizione fisica miglioreranno attraverso un metodo di insegnamento efficace."

Frequentare la nostra Accademia offre agli studenti di osservare il funzionamento di una scuola d’arti marziali di successo dall’interno.

E’ un’esperienza importantissima per chiunque intenda dedicarsi all’insegnamento di arti marziali.
I corsi sono aperti a tutti , non lasciatevi condizionare da fattori quali pigrizia , età , sesso , timore o vergogna nel provare a fare un qualcosa per voi nuovo , basta essere persone comuni motivate dal desiderio di migliorare se stessi . Viene dato ampio spazio alle esigenze delle singole persone e alle loro caratteristiche ( fisiche ed emotive ) , cercando di non modificare brutalmente le loro reazioni istintive .

Per maggiori informazioni potrete inviare un’email all’indirizzo di posta elettronica :

gojuryu.karatedo@tiscali.it

http://www.seigokanirc.ning.com/

http://www.karatereggiocalabria.blogspot.com/

http://www.bebreggiocalabria.ning.com/

Tel + 3 9 / 3 3 1 3 7 7 3 0 0 2

First name
Last name

Kanji translation & Japanese gifts